Semifreddo alle fragole

Questo semifreddo si prepara in un batter d’occhio. Avevamo organizzato un barbecue (o barbeque che dir si voglia) nel nostro orto e visto che le temperature sono miti, ma non ancora troppo calde, ho pensato di portare per dessert questo semifreddo. Avrei voluto dagli una forma un po’ più carina, ma la praticità nel trasportarlo ha avuto la meglio. Come base ho usato dei savoiardi, ma si possono tranquillamente sostituire con la pasta biscotto o pan di spagna.

Ingredienti per uno stampo da plumcake :

  • Mascarpone 250g
  • Panna fresca 500ml
  • Gelatina in fogli 7g
  • Latte 30ml
  • Fragole 500g circa
  • Zucchero a velo 120g
  • Zucchero 2 cucchiai
  • Savoiardi qb

Tagliare circa 200g di fragole a rondelle, rivestire lo stampo da plumcake con la pellicola trasparente e foderare lo stampo con le fettine di fragola.

Mettere a bagno la gelatina in acqua fredda per 10/15 minuti, poi prelevarla e scioglierla nel latte caldo.

In una ciotola montare la panna a neve e tenere da parte.

Tagliare a pezzetti altri 150g di fragole, aggiungere il succo di mezzo limone, due cucchiai di zucchero e ridurre tutto in purea.

Lavorare il mascarpone con lo zucchero a velo, aggiungere la purea di fragole e per ultimo la panna montata.

Quando la gelatina si è quasi raffreddata aggiungerla al composto mescolando delicatamente.

Versare metà della crema nello stampo, inserire al centro le fragole intere (o se preferite fare uno strato di fragole tagliate a pezzetti) e ricoprire con l’altra crema.

Prendere le fragole avanzate, frullarle col succo del mezzo limone restante e intingere i savoiardi per metà dalla parte zuccherata nella purea così ottenuta.

Adagiare i savoiardi sulla crema, coprire con la pellicola e mettere in frigorifero a rassodare per almeno 4/5 ore.

Pesto all’aglio orsino

Tra marzo e maggio è il periodo migliore per trovare, raccogliere o acquistare l’aglio orsino. Queste foglie sono molto profumate e si possono usare in frittate e paste. Io ho scelto di fare il pesto, così lo conservo sotto un bello strato di olio extravergine di oliva ed è pronto per una buona bruschetta, per aromatizzare un’insalata di farro o di riso oppure per i più amanti dei gusti decisi condirci la pasta.

Ingredienti per circa 200g di pesto:

  • Aglio orsino 100g
  • Pinoli 50g
  • Parmigiano 30g/40g
  • Olio extra vergine di oliva 50ml circa
  • Sale una presa

Lavare bene le foglie dell’aglio orsino (o selvatico) sotto l’acqua corrente, scolarle e asciugarle per bene.

Gratuggiare il parmigiano e tostare brevemente i pinoli.

In un mixer mettere le foglie dell’aglio orsino tagliate, il grana, i pinoli, il sale e un po’ d’olio.

Cominciare a frullare e aggiungere a filo tanto olio quanto basta per rendere omogeneo e cremoso il nostro pesto.

Servire subito con pane e bruschette oppure conservare coperto con uno strato di olio in barattolini sterilizzati e ben siglillati in un luogo asciutto lontano da fonti di calore (io li tengo in frigo, ma ammetto che a casa mia non durano molto).

Insalata di ceci, patate e tonno

I ceci sono molto amati a casa mia, che sia hummus, burger, pasta, zuppa o insalata ci sbizzarriamo nel prepararli. Questa insalata l’ho servita una sera insieme a spinacini e focaccia per completare la cena ed è stata una sorperesa incredibile, il tonno e le patate hanno arricchito il piatto di ceci in maniera impeccabile. Ottima variante da ricordare.

Ingredienti per 4 persone

  • Ceci cotti 250g
  • Patate 2
  • Tonno sott’olio 140g
  • Cipollotto fresco 1
  • Avocado 1
  • Limone succo 1/2
  • sale
  • olio evo

Lavare bene le patate, pelarle, tagliarle a pezzi non troppo piccoli e cuocerle a vapore.

Affettare il cipollotto sottilmente, tagliare a dadini l’avocado, irrorarlo con un po’ di succo di limone e tenere da parte.

Sgocciolare il tonno per bene, metterlo in una capiente ciotola e aggiungerci i ceci.

Unire le patate cotte, l’avocado, il cipollotto e mescolare bene in modo che tutti gli ingredienti si mescolino tra loro.

Condire con olio, sale, origano e limone.

Servire accompagnato da una buona focaccia e verdura fresca.

Nota: Se si usano i ceci secchi metterli in ammollo la sera prima, poi cuocerli in abbondante acqua per 60 minuti circa o in pentola a pressione per 20/30 minuti (io uso il Secoquik delle pentole AMC e in 20 minuti sono pronti).

Polpette di cavolfiore

Questa è la nuova polpetta vegetale che ho praticamente inventato…mi sono ispirata alle polpette di zucchine e ai burger di lenticchie o ceci. Volevo un pranzo un po’ diverso e mi era avanzato un bel cavolfiore cotto al vapore, così ho pensato di renderlo un piatto unico aggiungendo il bulgur che insieme al pane gratuggiato mi ha anche aiutato a rendere malleabile l’impasto. Le bimbe li hanno adorati.

Ingredienti per 4 persone:

  • Cavolfiore cotto 400g
  • Bulgur 200g
  • Pane gratuggiato 100g
  • Grana Padano 50g
  • origano qb
  • Senape 1 cucchiaio
  • Curcuma 1/4 di cucchiaino
  • sale

Prendere il bulgur, risciacquarlo per bene sotto l’acqua corrente, metterlo in una casseruola e coprirlo con l’acqua ( 1 parte di bulgur e due parti di acqua) portare ad ebollizione e cuocere per 10 minuti.

In un robot da cucina mettere il cavolfiore, il grana, il pane, la senape e le spezie. Frullare a piu’ riprese per rendere il composto sbriciolato e un po’ cremoso.

Scolare il bulgur e metterlo in una ciotola a raffreddare.

Aggiungere il composto di cavolfiore al bulgur, salare, mescolare bene e se serve aggiungere ancora un po’ di pane (dipende molto da quanta acqua di vegetazione ha il cavolfiore).

Con l’aiuto di un cucchiaio o un porzionatore per gelato formare tante polpette o mini burger.

In una padella antiaderente scaldare un filo d’olio evo e tostare su entrambi i lati le polpette facendo formare una crosticina.

Servire caldi accompagnati da una buona senape o una salsa piri piri per chi ama il gusto piccante.

Pesto di rucola e mandorle

Adoro la rucola aggiunta nell’insalata, sulla pizza a crudo, o sulla carne, ma ancor di più adoro il pesto di rucola. Questo pesto l’ho preparato con le mandorle per togliere un po’ la nota amarognola della rucola, infatti quando ho condito la pasta anche le bimbe hanno apprezzato.

Ingredienti per circa 300ml:

  • Rucola 100g
  • Mandorle 50g
  • Parmigiano 80g
  • Olio extravergine d’oliva 150ml
  • sale

In un robot da cucina metto la rucola, aggiungo le mandorle, il parmigiano, il pecorino, il sale e un goccio di succo di limone.

Frullo e a filo aggiungo l’olio extra vergine d’oliva.

Continuo a frullare fino ad ottenere una consistenza omogenea e cremosa.

Posso utilizzarlo subito su bruschette, per condire la pasta, arricchire l’insalata di riso o di farro, o in alternativa lo conservo in un barattolino di vetro ben lavato coperto con due dita d’olio extravergine d’oliva e chiuso ermeticamente per 2/3 settimane in frigorifero (ma a casa mia non dura mai tanto).

Zuppa di lenticchie

Le lenticchie riscuotono sempre un gran successo, hanno un gusto e una velocità di preparazione che le rendono sempre il mio asso nella manica. In una serata uggiosa, seppur primaverile, ci siamo coccolati con questa bella zuppa e per una volta a tavola ha regnato il silenzio…le bimbe se la sono divorata!

Ingredienti per 4 pozioni:

  • Lenticchie verdi 1 tazza
  • Lenticchie rosse 1 tazza
  • Cipolla 1
  • Sedano 1 costa
  • Carote 2
  • Patate 2/3
  • Rosmarino 1 rametto
  • Acqua qb

Tritare finemente il sedano, le carote e la cipolla.

Lavare le patate, pelarle e tagliarle a tocchetti piccolini.

Ungere una casseruola con un filo d’olio, rosolare la carota, il sedano e la cipolla per qualche minuto.

Aggiungere anche la patata e le lenticchie. Mescolare bene e lasciar insaporire brevemente.

Coprire con acqua calda, aggiungere il rametto di rosmarino, salare e portare a bollore.

Abassare il fuoco e proseguire la cottura per 25/30 minuti molto dolcemente, se si aciuga troppo aggiungere poca acqua calda alla volta.

Prelevare il rametto di rosmarino, con un mixer ad immersione frullare a scatti molto brevemente, non deve diventare una purea, ma conferire solo un po’ di cremosità. Se invece si amano le creme passare tutto (per i bambini che non amano sentire i pezzettini sotto ai denti è la soluzione migliore).

Servire con un filo d’olio extravergine d’oliva a crudo, una spolverata di parmigiano e una macinata di peperoncino.

Cuori al cacao e nocciole

Questa frolla è una vecchia ricetta che mi son sempre dimenticata di pubblicare. Fondamentalmente è una semplice frolla arricchita dalle nocciole che la rendono super gustosa. Oggi le mie bimbe hanno scelto di farci dei biscotti a forma di cuore per il loro papà ripieni di marmellata, ma ognuno è libero di sbizzarrirsi come crede…questo è ciò che amo della cucina!

Ingredienti:

  • Farina 300g
  • Zucchero 130g
  • Burro freddo 125g
  • Nocciole tritate 80g
  • Caco amaro 20g
  • Lievito 1/2 bustina (8g circa)
  • Uova 2
  • Sale 1 pizzico
  • Marmellata di prugne (o lamponi, o ciliegie) qb

In un robot da cucina mettere la farina, il cacao, lo zucchero, il burro tagliato a dadini ben freddo, le nocciole tritate, il lievito ed il pizzico di sale.

Azionare le lame fino ad ottenere un composto sbricioloso (ci vorranno pochi secondi), a questo punto aggiungere le uova e far andare il robot finchè non si formerà una palla d’impasto o il composto comincerà a rapprendersi.

La frolla non va lavorata molto per questo preferisco prepararla nel mixer, oltre al fatto che così facendo sporchiamo pochissimo.

Avvolgere la frolla in una pellicola e riporla in frigorifero per 30 minuti.

Stendere l’impasto aiutandosi con due fogli di carta forno, tagliare i biscotti a forma di cuore (o della forma che si preferisce), farcirli con mezzo cucchiaino di marmellata e richiuderli facendo combaciare due cuoricini uno sopra latro e siglillando bene i bordi.

Cuocere in forno ventilato preriscaldato a 180° per circa 10 minuti.

Insalata di fragole

Ho spesso visto ricette di insalate abbinate alla frutta, ma non mi sono mai cimentata nel riproporle a casa. In questo periodo però siamo piuttosto light quindi l’insalatona come cena va per la maggiore e siccome non amo la monotonia a tavola, me ne sto inventando ogni giorno una nuova…questa è una delle ultime e devo dire che la fragola conferisce una freschezza all’insalata che pulisce il palato e se avete un po’ di feta si abbina benissimo agli spinacini e alle fragole…consigliatissima!!

Ingredienti per due persone:

  • Spinacini freschi 100g
  • Avocado 1
  • Fragole 7/8
  • Noci qb
  • Limone 1/2
  • Lime 1
  • Feta 30g
  • Olio evo qb
  • Sale qb

Lavare bene gli spinacini sotto l’acqua corrente. Strizzarli accuratamente e metterli in un’insalatiera.

Tagliare l’avocado, prelevare l’osso, ridurlo a dadini e condirlo con mezzo limone per far si che non si annerisca.

Mondare le fragole, tagliarle a dadini e una a spicchi per la decorazione finale.

Distribuire le fragole sugli spinacini, aggiungere l’avocado, le noci grossolanamente tritate e la feta sbriciolata. Condire con un pizzico di sale, il succo di un lime e un buon olio extravergine di oliva.

Buon appetito!

Panna cotta

Questo dolce lo adoro! E’ facilissimo da fare, inoltre lo si può preparare in anticipo, così quando devi organizzare una cena, la panna cotta la prepari la mattina e te la dimentichi in frigo fino al momento di servirla! A me piace accompagnata anche semplicemente da una salsa di frutta frullata (fragole, mango, lamponi ecc.) senza ulteriore bisogno di addensarla e/o dolcificarla, ma le varianti sono infinite, dal caramello, alla cioccolata, a chi più ne ha più ne metta!

Ingredienti per 4 persone:

  • Panna fresca 500ml
  • Gelatina in fogli 6/7g
  • Zucchero semolato 60g

Mettere in ammollo i fogli di gelatina in acqua fredda per 15/20 minuti.

Mettere la panna in un pentolino, scaldarla fino a sfiorare il bollore (non deve bollire).

Togliere dal fuoco, prendere la gelatina, sgocciolarla delicatamente dall’acqua in eccesso e unirla alla panna calda.

Mescolare bene per qualche minuto finchè la gelatina non è del tutto sciolta.

Dividere il composto in 4 diverse ciotoline (oppure sistemare in uno stampo da plumcake, in questo caso vi consiglio di aumentare le dosi della panna almeno fino a 750g) e lasciar raffreddare a temperatura ambiente.

Una volta freddo porre in frigorifero e far rassodare per almeno 4 ore.

Servire a paicere con una coulis di frutta, con cioccolato o con caramello.

Nota: molto importante lasciar raffreddare la panna cotta a temperatura ambiente, in quanto la gelatina non ama gli schock termici, se la temperatura scende troppo bruscamente potrebbe coagularsi e rapprendersi rovinando così la nostra panna cotta.

Crema di asparagi con quenelle di ricotta e dadini di gorgonzola

La sera ci piace ancora mangiare un piatto caldo, leggero ma gustoso allo stesso tempo. Adesso è il periodo degli asparagi, quindi a casa ne facciamo una moderata “cura” , ma quello che amo nelle creme sono i contrasti: sapore, temperatura e consistenza.

In questa crema di asparagi la ricotta ha dato freschezza, il gorgonzola sapidità e i miei crostini home made croccantezza.

Ingredienti per 4 persone:

  • Asparagi verdi 750g
  • Patate 4 grosse
  • Carote 2
  • Cipolla 1
  • Gorgonzola qb
  • Ricotta 125g
  • Erba cipollina 1 cucchiaino
  • Aglio qb
  • Sale
  • Crostini home made

Per prima cosa lavare gli asparagi, asportare la parte bianca e fibrosa del gambo e tagliarli a rondendelle tenendo le punte un po’ più lunghe.

Pelare le patate, ridurle a tocchettini e fare lo stesso con le carote.

Affettare sottilmente la cipolla, ungere con un filo d’olio una casseruola e tostare brevemente le verdure.

Coprire con acqua calda e portare a bollore. Cuocere per 20/30 minuti a fuoco dolce con un coperchio.

Dopo circa 15 minuti prelevare alcune punte di asparago e tenere da parte per la decorazione finale.

Nel frattempo tagliare il pane a dadini, condirlo con le spezie e olio, cuocere nel ripano più alto del forno modalità grill per 10 minuti circa (attenti che brucia in un attimo!) e tenere da parte (ricetta completa qui).

In una ciotolina lavorare la ricotta con un cucchiaio per renderla cremosa, condirla con l’erba cipollina, un pizzico di sale e l’aglio, poi aiutandosi con due cucchiai creare delle quenelle che terremo in frigorifero a rassodare fino al momento di servire la crema.

Riprendere le verdure, prelevare un po’ di brodo (tenedolo da parte) e frullare creando una crema. Aggiustare la consistenza aggiungendo se serve un po’ di brodo.

Servire con le punte di asparago intere, i crostini, qualche dadino di gorgonzola e tre quenelle di ricotta.